Il Partito Pirata Islandese VINCE, entra in Parlamento.

By Partito Pirata l Partito Pirata Islandese è entrato in parlamento. E’ ormai chiaro essendo stati contati tutti i i voti, con un risultato finale per il Partito Pirata al 5.1%, appena sopra la barriera di sbarramento del cinque percento.
La campagna elettorale islandese per l’Althing, il parlamento islandese, è andata avanti su quello che sarebbe stato un supporto altalenante tra i principali partiti. Ma una cosa che sembrava costante era la continua crescita del nascente Partito Pirata Islandese, con i recenti sondaggi che lo davano tra il 6,5% e il 9,0%.
Quando il primo Ministro del Partito Pirata è stato annunciato nella circoscrizione del sud ovest dell’iIslanda, dove il partito dall’inizio manteneva un pieno 8,3% dei voti, nella cena organizzata per festeggiare il risultato dei Pirati in un elegante ristorante di pesce nel centro di Reykjavik, è saltato il soffitto dall’entusiasmo.
Gli islandesi sono qualcosa di fenomenale, anche all’interno di un movimento in rapida crescita come il Partito Pirata. Il Partito Pirata islandese à stato fondato solo nove mesi fa, e secondo le proiezioni oggi ha ottenuto tre seggi nel Parlamento nazionale islandese. Comunque lo si misuri è una velocità record .
Questo fa del Partito Pirata Islandese il primo del movimento ad entrare in un parlamento proporzionale nazionale! Sentite congratulazioni. Obbiettivo superato. Dopo questa vittoria, non ci sono ulteriori livelli di rappresentanza governativa nei quali il movimento non sia rappresentato.
Comunque il Partito Pirata islandese non ha iniziato dal nulla. Sono stati abbastanza fortunati da avere attivisti consolidati che hanno fatto partire il partito – come Birgitta Jónsdóttir (di Wikileaks e della moderna Initiative Media Islandese) e Smári McCarthy (anche lui impegnato in IMMI e altri progetti). Non sappiamo ancora quali pirati otterranno effettivamente i seggi nel parlamento islandese – dipenderà dalla distribuzione del voto tra le circoscrizioni.
Ciò nonostante, non c’è dubbio che ci sarà un sacco di lavoro da fare nel Parlamento nazionale islandese – anche se l’Islanda è sempre stata molto progressista con le sue idee, poche di quelle idee sono state trasformate in legge. Avere legislatori in Islanda può facilitarlo, c’è un sacco di lavoro da fare.
Ma non stasera.
Questa sera, noi festeggiamo e brindiamo con i nostri bicchieri di rum ai nostri fratelli e sorelle islandesi nel movimento. Ottimo lavoro!
(traduzione di Mauro Pirata del Partito Pirata Italiano)
L’articolo Il Partito Pirata Islandese VINCE, entra in Parlamento. sembra essere il primo su Partito Pirata Italiano.
Vai all’articolo originale. …read more

Source: Frontiere Digitali

Image for: Il Partito Pirata Islandese VINCE, entra in Parlamento.