Laboratorio 41 e Compagnia Fantasma. Un teatro di testi e di idee. Intervista a Daniele Bergonzi

By Pagina Tre Si sente spesso dire, sicuramente a torto e non senza una punta di snobismo, che ci siano più scrittori che lettori. Non diversamente, si dice anche che a teatro non va più nessuno ma che tutti vogliono recitare. E se invece il punto fosse il bisogno di leggere o di fare teatro in modo diverso?
Partiamo dal concreto: a Bologna, da settembre, c’è un nuovo spazio teatrale. Finalmente trovo il tempo di visitarlo. Percorro, così, l’elegante e cupa via Castiglione fino al civico 41, oltrepasso il portone ed esito un istante nel cortile buio. Appena svoltato l’angolo, vedo schiudersi un piccolo regno luminoso: una passerella di legno mi guida al di sopra della ghiaia, fradicia per gli inverni bolognesi; passa sotto le grandi finestre di una sala prove dai colori solari e mi conduce infine a una piccola stanza chiara, dove si fronteggiano una libreria e l’angolo del tè.
Ecco il Laboratorio 41, nuova casa della Compagnia Fantasma. Daniele Bergonzi, fondatore e anima di questo luogo, mi spiega dove siamo.
Ci troviamo nell’ufficio dell’Associazione Culturale Laboratorio 41, centro di ricerca e formazione teatrale. Nel salone principale è in corso una lezione di danza contemporanea. Tra poco ci sarà una lezione di tecnica vocale. Da qualche mese passo la maggior parte del mio tempo tra questi antichi muri, eppure ogni volta che entro dal portone esterno mi sorprendo del silenzio e della tranquillità che si possono nascondere all’interno di una corte seicentesca situata nel pieno centro di una città come Bologna. E’ un luogo dove si può lavorare con cura, e questo per me è fondamentale. All’inizio erano in programma soltanto i miei laboratori di recitazione e poco altro; poi, nel giro di qualche settimana, attorno al Laboratorio 41 si è creato un interesse sorprendente. E’ successo tutto in modo inaspettato e quindi ancor più eccitante. A sei mesi dall’apertura abbiamo raggiunto i 250 iscritti e in palinsesto ci sono 16 corsi e laboratori di discipline che vanno dal teatro alla danza, dalla voce al canto, dallo yoga alla meditazione al Pilates: è una proposta eterogenea con un punto di vista condiviso. Ho selezionato gli insegnanti ad uno ad uno, sono tutti professionisti con anni di esperienza alle spalle e ognuno di loro conduce un’intensa ricerca personale sul linguaggio scenico. La nostra sfida quotidiana è quella di offrire alla città un luogo in cui trovare formazione di altissimo livello a un costo contenuto e accessibile a tutti. Non è un impresa facile, ma nulla che sia degno di interesse lo è.
La sfida è appassionante: di solito si tiene – anche troppo – alla distinzione tra professionismo e non; mentre l’idea di tenere un livello molto alto senza presupporre o giudicare in anticipo quale sia l’obiettivo o il futuro di un allievo, mi pare un interessante elemento di novità. Oltre ai saggi finali, in questo spazio andranno in scena anche altri spettacoli?
Io credo che si debba giudicare un artista per la sua opera. Non mi importa se un attore fa un altro mestiere per …read more
Source: Frontiere Digitali

Image for: Laboratorio 41 e Compagnia Fantasma. Un teatro di testi e di idee. Intervista a Daniele Bergonzi