Luca Barbareschi vuole più poteri per la Siae

Luca Barbareschi vuole più poteri per la Siae

Il disegno di legge che renderà gli Isp responsabili dei contenuti è approdato alla Camera. E proviene dal noto attore.

DA ZEUS News – www.zeusnews.com del 20-02-2009

Forse la Siae diceva la verità quando disconosceva la paternità della famigerata proposta di legge circolata meno di un mese fa, quella che voleva rendere i provider responsabili dei contenuti e attribuire alla stessa Società maggiori poter per combattere la pirateria.

O è così, oppure Luca Barbareschi le ha “rubato” l’idea – cosa poco probabile, dal momento che la proposta mira si dichiara innocentemente tesa a difendere il diritto d’autore.

Il deputato del Pdl si affida totalmente ai dati distribuiti dalla Federazione contro la pirateria musicale, che parla di un “fatturato complessivo pari a 300 milioni di euro rispetto ai 266 milioni stimati per il mercato legale”.

Dopotutto “la cultura rappresenta uno dei più preziosi tra i beni comuni” e pertanto “necessita di un’adeguata tutela contro ogni forma di diffusione abusiva e illegale”, come si legge nella premessa. Dunque la cultura è un bene comune, che però va protetto dalla diffusione: vagamente contraddittorio.

Visto che la proposta, presentata alla Camera lo scorso 11 febbraio, è proprio la stessa emersa alla fine di gennaio, le perplessità espresse allora non sono certo scomparse solo perché ora la firma è quella dell’onorevole Barbareschi, in particolare circa la responsabilità degli Isp e il ruolo della Siae.

D’altra parte, Barbareschi è lo stesso personaggio che non molto tempo fa andava fiero di essere stato il primo a fare causa a YouTube per violazione dei diritti d’autore. E pensare che sarebbe bastato chiedere la rimozione dei video incriminati e Google avrebbe acconsentito.

Image for: Luca Barbareschi vuole più poteri per la Siae