Nato il Partito dei Pirati

Nato il Partito dei Pirati

Un gruppo di utenti svedesi sferra un’offensiva senza precedenti alle politiche delle grandi corporation occidentali che – affermano – si dedicano al racket della propriet� intellettuale

Tratto da Punto Informatico

Roma – No alle leggi internazionali che rendono possibile alle grandi corporation di far valere a tutto tondo i propri diritti di propriet� intellettuale ben oltre il buon senso. Questo, in sintesi, il significato del manifesto politico con cui � stato presentato nei giorni scorsi in Svezia il Partito dei Pirati.

Nel suo SITO, il gruppo di utenti Internet che ha messo in piedi Piratpartiet, dichiara di voler partecipare alle prossime elezioni politiche sperando di riuscire a superare lo sbarramento del 4 per cento: oltre quel numero di voti, infatti, il Partito potrebbe guadagnarsi uno o pi� seggi in Parlamento. Per riuscirci dovranno raggranellare pi� di 225mila voti.

L’operazione � annunciata come una esplicita risposta alle politiche delle multinazionali che, afferma il manifesto, nel mondo in via di sviluppo si comportano come un racket a caccia di lucro sulla scorta di propriet� intellettuali spesso discutibili, e nel mondo ricco sono impegnate nella violazione della privacy e nell’aggressione legale a singoli individui. Il riferimento alle major del cinema e della musica � chiarissimo.

Il programma politico del Piratpartiet � di rottura: ignorare le determinazioni dell’Organizzazione mondiale del Commercio e qualsiasi normativa tesa ad ostacolare il libero flusso dell’informazione. Altri punti cardine riguardano il rifiuto della data retention, ossia la conservazione dei dati degli utenti: in questo caso il riferimento � alle nuove normative europee che, nate come leggi eccezionali per combattere il terrorismo, mettono in realt� i dati raccolti a disposizione anche delle inchieste contro le violazioni della propriet� intellettuale.

Image for: Nato il Partito dei Pirati