Shechinàh, di Francesco Randazzo

By Pagina Tre «In principio era il verbo / e non il sostantivo / Qualcosa che si muove / e non definitivo / Verbo che vola / Verbo coniugato / Verbo scapolo / Verbo ascoltato / Ma ora che c’è rumore / di vuote affermazioni / Si lanciano proclami / Tutti sanno certezze / Persino il dubbio / è una bandiera forte».

Shechinàh, “Viaggio per coro – Rap” è un testo pensato da Francesco Randazzo (www.francescorandazzo.tk) per il teatro. Al centro, la nozione biblica di Shechinàh, la “presenza immanente della divinità nell’universo”. La prima rappresentazione è avvenuta a Zagabria in collaborazione con l’Istituto di Cultura Italiana in Croazia, con musiche di Calogero Giallanza.

Francesco Randazzo, Shechinàh, Viaggio per coro – Rap, Ozarzand-Studio Press, 2012, pp. 80, euro 12.
Vai all’articolo originale.
Source: Frontiere Digitali

Image for: Shechinàh, di Francesco Randazzo