“Storia di Roma” di Teodoro Mommsen

Network News
dicembre 2016

By Pagina Tre Grazie ai volontari del Progetto Griffo è online (disponibile per il download gratuito) l’ePub Storia di Roma (1). Dalla preistoria alla cacciata dei re da Roma di Teodoro Mommsen, curata e annotata da Antonio G. Quattrini.
Il lavoro più famoso di Mommsen, un classico dei trattati di storia, comparve fra il 1854 e il 1856, esponendo la storia romana dalle origini fino alla fine della repubblica romana e al governo di Cesare, che Mommsen ritrasse come uno dei maggiori statisti di tutti i tempi. Le vicende politiche, particolarmente della tarda repubblica, sono attentamente confrontate con gli sviluppi politici del XIX secolo.
Dall’incipit del libro:
Fu questo l’ultimo grido di quel grande italiano che fu Enrico Corradini: “rifare la storia di Roma!». E leggendo questa “Storia romana» del Mommsen, che fu ed è senza dubbio il più compiuto ed il più ragionato studio dalle origini all’impero, meglio appare al lettore questa necessità. Chè sarebbe stolto negare i pregi di quest’opera monumentale che ne fanno ancor oggi l’aureo e insuperato testo per chiunque voglia interpretare la potenza e la grandezza di Roma, e che, caso più unico che raro, mentre si rivolge particolarmente ai dotti, non interessa meno chiunque sia fornito soltanto di una cultura generale; ma è ugualmente innegabile che, soprattutto laddove, come in Livio ch’egli avversa, il senso della romanità si sovrappone alla logica dei fatti e la storia diventa poesia, l’anima del Germano prevale e si rivela nel contrasto, che l’alterigia dottorale del Mommsen maggiormente accentua, e che invano la potenza del suo stile cerca di imporci. Un esempio tipico ci è offerto dal capitolo ove egli parla della poesia e dell’arte italiana. Il meno che si possa dire per iscusar la sua paradossale incomprensione è che una volta ancora si dimostra che Iddio ha negato al Tedesco il senso della bellezza. Se a questo si aggiunge lo spirito col quale il Mommsen giudica la lotta tra Roma e il Sannio, si ha la dimostrazione chiara dell’impossibilità per uomini di altra razza di interpretare diversamente che ai riflessi della propria anima le vicende storiche di altri popoli, e quindi la necessità proclamata da Enrico Corradini di rifare con animo italiano e sentimento romano la storia d’Italia.
Vai all’articolo originale. …read more

Source:: Frontiere Digitali